UNACMA in campo all’EIMA SHOW

In occasione di EIMA SHOW è stato organizzata una tavola rotonda di apertura il 28/7 u.s. su iniziativa di UNACMA ed in collaborazione con Federunacoma.

“Tecnologie digitali per le produzioni agricole di qualità. Un’opportunità per le piccole aziende” a cui hanno partecipato:

Massimo Goldoni A.D. di Federunacoma surl

Albano Agapiti  presidente di Coldiretti Umbria

Roberto Rinaldin  Presidente di UNACMA

Roberto Guidotti Referente tecnico di CAI Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani

La tavola rotonda è stata moderata da Cristiano Spadoni di Image Line

Gianni Di Nardo, il nostro segretario, ha portato un breve saluto e introdotto il dibattito lanciando la “provocazione” verso i relatori ed il pubblico, sul fatto che le tecnologie più innovative non debbano essere pensate solo per l’agricoltura delle grandi estensioni ma anche, e soprattutto, per le produzioni tipiche e di alta qualità (le eccellenze italiane e le biodiversità). Le piccole aziende associandosi (anche tramite i consorzi di tutela ecc.) o utilizzando i servizi di contoterzisti, potranno ottenere da una parte costi fissi e certi e dall’altra potranno risparmiare acqua, gasolio e prodotti per la lotta biologica.             Il tutto a salvaguardia dei consumatori sempre più attenti.

Cristiano Spadoni, che fa notare come l’agricoltura digitale sta sempre più prendendo piede, ha “stimolato” i partecipanti alla tavola rotonda con una sorta di gioco del “cerchiamo la parola”.

Il presidente di Coldiretti Umbria, Albano Agabiti, ha sostenuto che l’agricoltura di precisione avrà un impatto sul modo di produrre persino superiore a quello che la chimica e la meccanica

 prese singolarmenteabbiano mai avuto, consentendo peraltro una piena tracciabilità dei prodotti agricoli.

Massimo Goldoni ha precisato, in un brillante intervento, che il salto qualitativo in agricoltura è possibile nel momento in cui le tecnologie di precisione diventano oltre che fruibili anche efficaci e convenienti economicamente, ed ormai siamo nella fase matura di questo processo. Fra qualche anno vedremo trattori elettrici ancor più facili da comandare e probabilmente, perchè con meno “acciaio”, anche più economici.

E’ il momento di Roberto Rinaldin che precisa che il trasferimento sul campo delle innovazioni tecnologiche, tuttavia, ha bisogno di tecnici e operatori specializzati e per questo grande importanza ha la formazione professionale.

Nel ricordare le molte iniziative in tema di formazione promosse della propria organizzazione,  Rinaldin ha sottolineato come, proprio in forza delle nuove tecnologie, l’operatore agricolo si stia trasformando da “lavoratore manuale” a “colletto bianco” vale e a dire esperto nell’impiego e nella gestione dei sistemi informatici.

La conoscenza meticolosa del territorio coltivato, la capacità di valutare lo stato di salute e le necessità di ogni pianta e di intervenire in modo puntuale, che sono i principali vantaggi dell’agricoltura 4.0, realizzano infine quella che è l’aspirazione di ogni agricoltore, la cura amorevole del proprio campo. I nostri nonni, ha detto Roberto Guidotti del CAI, realizzavano già decine di anni fa una forma d’agricoltura che potrebbe essere definita “di precisione”.

Articolo parzialmente tratto dal comunicato stampa di Federunacoma, che ringraziamo.

Riportiamo inoltre integralmente il comunicato stampa finale di Federunacoma

 

Comunicato stampa EIMA Show n. 8/2017

EIMA Show: i prodigi  dell’agricoltura “4.0”

 

Si è conclusa questo pomeriggio a Casalina di Deruta (PG) la due giorni dedicata alle macchine e ai sistemi per l’agricoltura di precisione. Centinaia le macchine in azione sul campo, oltre 15 mila  i visitatori che hanno preso parte all’evento, che già si proietta nel futuro con una seconda edizione prevista per l’estate 2018.

Oltre 90 modelli di trattrici e mietitrebbiatrici di ultima generazione, più di 200 attrezzature per la raccolta del foraggio e dell’erba medica, e per la lavorazione del terreno e le altre operazioni colturali prodotte da 50 case costruttrici, contemporaneamente al  lavoro. Questo lo spettacolo offerto da EIMA Show, la manifestazione dimostrativa di macchine e tecnologie per l’agricoltura che si è conclusa questo pomeriggio presso l’azienda Casalina (in località Casalina di Deruta PG), dopo due giorni di intensa attività. Un pubblico di oltre 15 mila persone ha preso parte all’evento, tributando il pieno successo a questa kermesse promossa da Umbria Fiere, Coldiretti Umbria, Università di Perugia, Fondazione per l’Istruzione Agraria e FederUnacoma, e realizzata grazie al supporto dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione e delle amministrazioni comunali di Marsciano e Deruta nel cui territorio insiste l’azienda Casalina.

Ogni mezzo meccanico di quelli visti in azione è governato da sistemi satellitari, informatici e sensoristici, e integrabile con le informazioni ricavate dall’impiego di droni specializzati, così da offrire una rappresentazione completa di quella che viene definita l’agricoltura “4.0” e che rappresenta la nuova frontiera delle tecnologie per la coltivazione della terra.

Un convegno dal titolo ”L’agricoltura di precisione: obiettivi, applicazioni, prospettive”, svoltosi questa mattina, ha presentato le caratteristiche e i vantaggi di questi nuovi sistemi.

Aperto da Francesco Panella, vicepresidente della Fondazione per l’Istruzione Agraria, l’incontro ha affrontato la  questione  della produttività agricola legata al forte incremento demografico atteso nei prossimi trent’anni. Entro il 2050 il settore primario dovrà infatti soddisfare le esigenze alimentari di oltre 10 miliardi di persone. Perché ciò sia possibile, la produzione agricola dovrà aumentare  del 70%. In questo scenario l’agricoltura di precisione può svolgere un ruolo chiave non soltanto per incrementare le rese produttive, ma per ottimizzare l’utilizzo delle risorse. «La  meccanizzazione agricola, e con essa il settore primario, stanno vivendo una fase di grande cambiamento. Nel prossimo futuro il trattore diventerà un vero centro di calcolo. Dati relativi all’umidità del terreno – ha spiegato il presidente di FederUnacoma Alessandro Malavolti – alla crescita delle piante o alla distribuzione delle sostanze nutritive saranno processati e rielaborati dalla trattrice, con l’obiettivo di programmare interventi on demand». L’agricoltura del prossimo futuro, l’agricoltura 4.0, sarà dunque sempre più “verde” perché le lavorazioni saranno mirate. Già oggi la sostenibilità nel settore primario è uno dei temi centrali del dibattito pubblico e dell’agenda politica dei governi.

«L’agricoltura di precisione va proprio in questa direzione  perché consente di ottenere lo stesso livello produttivo con pratiche ecocompatibili e a basso impatto ambientale. E’ una grande trasformazione, anche culturale, che interessa non solo le grandi ma anche le piccole aziende agricole e quelle  ad alto valore aggiunto per le quali rappresenta un volano. Naturalmente – ha detto Angelo Frascarelli del Dipartimento di Scienze Agrarie e ambientali dell’Università di Perugia – è un processo che richiede gradualità». Tuttavia, l’agricoltura di precisione è solo una componente  dell’agricoltura 4.0, che ha nell’automazione, nel ‘cloud computing’ e nelle reti i suoi caposaldi. “Dall’Isobus al Gps, dalle mappe di prescrizione al ‘geosensing’, molte tecnologie sono già disponibili sul mercato. Ma – precisa Alessio Bolognesi, responsabile FederUnacoma  per l’agricoltura di precisione – è necessario potenziare la dotazione infrastrutturale delle aree rurali e soddisfare una forte domanda di formazione”. L’incontro si è chiuso con una testimonianza di Sara Antognelli che ha presentato i risultati di una ricerca sul campo promossa dall’Università, e di Guido Fastellini di Topcon Agriculture  che ha fornito una panoramica sulle principali soluzioni tecnologiche già in produzione.

“Ciò che si è visto in campo, con le dimostrazioni offerte da queste formidabili macchine – ha spiegato il direttore dell’Ufficio Eventi di FederUnacoma Marco Acerbi – è ancora più sorprendente se si considera che tutti i mezzi erano governati da sistemi digitali invisibili ma efficacissimi nella lettura del territorio, nella gestione ottimizzata delle macchine, nella elaborazione di tutti i parametri agronomici e ambientali che hanno influenza sulle coltivazioni”.

La manifestazione di EIMA Show – hanno concluso gli organizzatori – ha le caratteristiche per diventare un appuntamento fisso tra quelli nazionali dedicati alla meccanica agricola e all’elettronica applicata. Conclusa l’esperienza di questi giorni già si pensa ad una prossima edizione, per l’estate 2018.

 

Casalina di Deruta (PG), 29  luglio  2017

 

Per chi volesse vedere le video-registrazioni integrali del convegno, può cliccare sul seguente link

http://bit.ly/2vjBst5

Social Links

Articoli che ti possono interessare